Urgente: dai nostri Confratelli OCD in Egitto

Urgente: dai nostri Confratelli OCD in Egitto

La settimana santa in Egitto incomincia con il sangue dei martiri.
Eravamo tutti nella celebrazione delle palme nella nostra basilica di santa Teresa di Schubra quando ci è arrivata la notizia di un attacco in una chiesa copta nella cita di Tanta.
Non abbiamo voluto comunicarlo al popolo per non provocare paura. Una notizia dolorosa che aumenta il numero dei martiri nel cielo e ne diminuisce quello degli apostoli sulla terra. Un bagno di sangue che dopo poco si è prolungato anche in un’altra chiesa in Alessandria. Un totale di più di quaranta morti. Un momento doloroso per i cristiani.
Tutti noi ci domandiamo: Perché? Fino a quando? La risposta ci viene dal primo martire del Calvario, Gesù che ha dato la sua vita per amore e nell’amore.
Preghiamo perché il padre perdoni a queste persone, che non sanno quello che fanno, e li converta alla pace e all’amore.
Preghiamo per tutti i cristiani e per tutti gli operatori della pace che con il loro sangue fecondano l’arida terra del cuore umano. Il Carmelo dell’Egitto si unisce a questo dolore dei nostri fratelli e chiede preghiere a tutto il Carmelo del mondo.
In modo particolare ringraziamo il P Saverio Cannistrà, Generale per la sua solidarietà e vicinanza in questo momento ai suoi confratelli in Egitto.
Abuna Batrik, ocd, Delegato Generale