COVID-19 in India

COVID-19 in India

P. Johannes Gorantla, Definitore incaricato per il Sud-est asiatico, ha raccolto notizie sulla situazione creata da COVID-19 nella sua area geografica. La sua cronaca, che riassumiamo qui, può essere letta per intero nella sezione in lingua inglese della nostra pagina e nel bollettino COMMUNICATIONES.

Come nel resto del mondo, la malattia ha costretto l’India alla paralisi, imponendo il confinamento agli abitanti di questa grande Nazione. Fino al 6 maggio, le notizie parlavano di 50.000 contagi, 15.000 persone guarite e 1.700 morti. Considerando la popolazione dell’India (1,3 miliardi di abitanti), si può dire che la situazione è sotto controllo, ma le autorità rimangono vigili per l’imprevedibilità del virus. Maharashtra, Gujarat, Delhi e Tamil Nadu sono le aree più colpite.

La principale urgenza in questo momento è quella di occuparsi delle famiglie povere e di quelle prive di risorse, in quanto dipendono dal lavoro e dal salario quotidiano. I nostri frati hanno intrapreso varie iniziative per aiutare i più bisognosi, offrendo non solo cibo e provviste, ma anche disinfettanti e mascherine. Le Carmelitane Scalze, da parte loro, pregano giorno e notte intercedendo presso il Signore per il Paese e tutta l’umanità.

Grazie a Dio non sono pervenute notizie di religiosi religiose dell’Ordine deceduti per COVID-19.