Morte di S.E. Nándor Takács, vescovo Carmelitano Scalzo

Morte di S.E. Nándor Takács, vescovo Carmelitano Scalzo

L’11 luglio scorso è deceduto S.E. Mons. Nándor Takács, vescovo emerito di Székesfehérvar (Ungheria) e Carmelitano Scalzo.

Era nato in seno a una famiglia contadina in una piccola località ungherese, Rábacsanak, e aveva avuto come maestro di Noviziato il P. Marcello della Vergine del Carmelo. Nell’Ordine prese il nome di Giustino della Vergine del Carmelo ed emise la Professione solenne il 20 luglio 1943. Fu ordinato sacerdote il 28 febbraio 1951.

Quando si scatenò la persecuzione comunista, con la conseguente dissoluzione degli Ordini religiosi in Ungheria, fu accolto dal vescovo di Györ. In diversi periodi della sua vita gli fu proibito di esercitare il sacerdozio e dovette lavorare come insegnante di musica e canto.

Il 30 dicembre 1988 fu nominato vescovo della diocesi di Székenesfehérvar da san Giovanni Paolo II, ove rimase fino alla rinuncia. La sua consacrazione ebbe luogo il’11 febbraio 1989.

Questo fedele figlio della Chiesa e del Carmelo teresiano in Ungheria, riposi in pace.