Definitorio Straordinario dei Carmelitani Scalzi Lunedì 4 febbraio 2019

Definitorio Straordinario dei Carmelitani Scalzi  Lunedì 4 febbraio 2019

Con la Messa votiva dello Spirito Santo, presieduta in inglese dal P. Generale, si è aperto il Definitorio Straordinario dell’Ordine, che si svolgerà fino a domenica 10 febbraio presso il Centro Spirituale “St. Joseph Vaz” a Old Goa (India). Il grande Centro – oggi affidato alla Diocesi – sorge sul luogo in cui vennero ad abitare i nostri primi missionari nel 1619, esattamente 400 anni fa.

I lavori sono iniziati con una breve sessione inaugurale, introdotta da P. Johannes Gorantla. P. Charles Serrao – Provinciale di Karnataka-Goa e Presidente della Conferenza dei Provinciali OCD dell’India – e P. Andrew, Direttore del Centro Spirituale, hanno rivolto parole di benvenuto ai circa 70 Superiori partecipanti al Definitorio. Il P. Generale è stato invitato ad accendere una lampada, collocata dinanzi al tavolo della presidenza, quale segno della presenza di Gesù in mezzo a noi.

Subito dopo, P. Saverio Cannistrà ha presentato il programma generale, l’articolazione e il metodo dei lavori del Definitorio, che sarà dedicato interamente al processo di rilettura e di possibile revisione del nostro corpus legislativo (Costituzioni e Norme Applicative).

Agustí Borrell, Vicario Generale e Presidente della Commissione internazionale per la rilettura delle Costituzioni, ha quindi presentato la relazione: “La rilettura delle Costituzioni. Prima tappa: storia e conclusioni”.

La mattinata si è conclusa con una seconda relazione di carattere più giuridico, offerta da P. Wiesław Kiwior, sulla “Revisione del diritto proprio oCD al tempo di oggi”.

Nel pomeriggio, il lavoro di approfondimento del tema è proseguito negli otto gruppi geografico-linguistici ed è confluito nella sessione plenaria, durante la quale i Segretari di ogni gruppo hanno presentato sinteticamente il risultato della riflessione comune.

La giornata si è conclusa con la celebrazione dei Vespri e un tempo di orazione nell’antica e bella chiesa del Centro, che ricorda un’apparizione della Croce nel 1619, proprio in concomitanza con l’arrivo dei primi Carmelitani Scalzi in India.