Anno_vita_consecrata
2
1
Medalla
30//06//2015
La medaglia del terzo anno del Pontificato di Francesco recherà l’immagine di Santa Teresa


Il 29 giugno, solennità di san Pietro e Paolo, è stata presentata al Santo Padre Francesco la medaglia commemorativa del suo terzo anno di pontificato. Per espressa volontà del Papa, il verso della medaglia non recherà, come di consueto, il volto del Pontefice, ma l'immagine di Santa Teresa di Gesù.

Questa decisione è un ulteriore gesto di benevolenza di Papa Francesco nel corso del V centenario del Nascita di Santa Teresa di Gesù.

Il P. Generale, Saverio Cannistrà, nell'apprendere la notizia, ha inviato al Santo Padre una lettera personale ringraziandolo per il suo gesto nei riguardi della Madre Teresa. Uno tra i molti segni di apprezzamento che Papa Francesco ha diretto al Carmelo Teresiano durante il suo pontificato.

 

{INGRANDIRE}
Punto
PIÙ NOTIZIE
ULTIME NOTIZIE
Filipinas
30//06//2015
La nuova provincia delle Filippine

Le isole Filippine, come molti sanno, devono il loro nome al re spagnolo Filippo II. Verso la fine del XIX secolo (1898) fu una colonia appartenente alla Spagna. Di fatto la cultura, la gastronomia, l'arte... e la religione cattolica si devono in gran parte all'influenza spagnola. Attualmente la lingua ufficiale non è lo spagnolo, ma l'inglese insieme alla lingua autoctona: il tagalo.
Ancora oggi, leggendo i cognomi si capisce che molti hanno una chiara origine spagnola.

Le Carmelitane Scalze, che quasi sempre arrivano prima dei padri, hanno fondato il primo monastero in Jaro (Ilo-Ilo) nel 1929. I Carmelitani Scalzi della Provincia di Washington sono giunti nel 1947: sono stati i primi ad esercitare la cura pastorale della "Prelatura de Infanta". La Prelatura è stata eretta canonicamente nel 1950, ed il Prefetto è stato ordinato nel 1953, si tratta del nordamericano p. Patricio di Santa Cecilia (Shanley). Successivamente lo seguirono due carmelitani filippini: Julio Javier Lavayen e Rolando Tria Tirona.

Nel 1951, nove religiosi sono incaricati della cura pastorale in Infanta (Luzón); cinque della Provincia di Washington, due dall'Irlanda e due dall'Italia (uno della provincia Veneta e l'altro dalla Toscana). Oltre alla parrocchia di Infanta avevano in quegli anni la parrocchia di Baler, Bordeos (isola Polillo) e Casiguran.

Successivamente, si stabiliranno nelle Filippine due Delegazioni di Carmelitani Scalzi, quella di Washington e dell'Irlanda. Il 26 ottobre del 1977 le due Delegazioni si unificano creando il Commissariato dei Carmelitani Scalzi nelle isole Filippine, scegliendo come Patrona la Vergine delle Filippine. Nel 1995 il Commissariato era composto da 38 padri, tra cui 2 vescovi e 17 sacerdoti.
Nel recente Capitolo celebrato ad Avila lo scorso maggio 2015, il Commissariato è stato elevato allo statuto giuridico di Provincia. La neo Provincia è composta da cinque conventi, Bacalod, Davao-Tugkob, Jaro-Iloilo, e due in Quezon City, e da 51 frati secondo il "conspectus ordinis" del 2013. Sono poche righe, ma almeno servono per conoscere la nostra storia carmelitana nelle Filippine.

 

{INGRANDIRE}
cartel
30//06//2015
Il Carmelo Scalzo foto per foto

"Il Carmelo Scalzo per immagini" è una mostra di 60 pannelli che comprendono l'arco di tempo dalla fine del XIX secolo fino alla metà del XX secolo e presentano i luoghi e momenti chiave della storia del nostro Ordine. La mostra si divide in quattro ambienti dove si narra la storia dell'Ordine dagli inizi sul Monte Carmelo, santa Teresa e la riforma, la vita quotidiana dei frati e delle monache e il lavoro missionario. La mostra vuole presentare alla società il lavoro dei carmelitani scalzi attraverso un custode della memoria che è la fotografia.

Le fotografie scelte provengono dall'Archivio dell'Ordine presso la Casa Generalizia di Roma. Le foto sono state digitalizzate e restaurate da Matías García Posadas, professore di restauro fotografico nel Centro de Estudios Superiores di Madrid. Tra i tanti scatti emerge una foto degli inizi del secolo della celebre scultura dell'estasi del Bernini; insieme a questa uno scatto della processione marittima in India.

Tutte le foto sono originali e sono state trattate e segnate per assicurare la conservazione durante gli spostamenti futuri.

La foto scelta per il poster di presentazione è un ritratto realizzato in India nel 1922 da p. Serapio della Resurrezione ocd. Sin dalla sua ordinazione sacerdotale si è prodigato per le missioni in India. La foto scelta vuole essere un omaggio allo zelo missionario dei carmelitani nel mondo.

A completamento della mostra verrà stampato un catalogo che include una cronologia e una biografia realizzati dall'Archivista generale dell'Ordine P. Óscar Aparicio.
La mostra sarà presente in varie città spagnole.

 

{INGRANDIRE}
Escultura
30//06//2015
Scultura di Santa Teresa ad Asunción - Paraguay

Nell'ambito delle celebrazioni V Centenario della nascita di Santa Teresa di Gesù, la famiglia teresiana del Paraguay ha realizzato numerose attività per ringraziare Dio del dono di Santa Teresa di Gesù alla Chiesa Cattolica e a tutta l'umanità. Il comitato organizzativo dei festeggiamenti del V Centenario, ha avuto l'idea di abbellire il viale centrale della Avenida Santa Teresa della capitale, che tra l'altro ne porta il nome, con una statua commemorativa del V Centenario. È anche un riflesso della devozione, ammirazione e affetto di molti paraguaiani verso la straordinaria Santa Teresa.

Quindi è iniziato un dialogo con il Municipio di Asunción che ha propiziato l'iniziativa e con il suo beneplacito si è affidato al monastero delle Carmelitane Scalze dell'Incarnazione -Paraguay- l'incarico di realizzare la scultura della madre Teresa.

La costruzione della statua di Santa Teresa, dopo un ritardo di due mesi, è stata terminata in appena 15 giorni di arduo lavoro artigianale. In effetti, la scultura è opera di una sorella carmelitana scalza. Pesa all'incirca 600 Kg, è alta 2 mt e 1 mt di larghezza. È realizzata in ferro, cemento, ed è ricoperta con una pittura per esterni.

La statua riflette l'amore di Teresa per Gesù: la santa sostiene con la mano sinistra la Croce Redentrice del Signore posta vicino al suo cuore. Nella mano destra, Teresa porta un bastone quale rimando ai suoi viaggi attraverso le strade della Castiglia e dell'Andalusia mentre fonda i monasteri di carmelitane scalze; allo stesso tempo esso è un segno dell'autentica fede cristiana che mai si chiude in se stessa perché condivisa con il prossimo. Si tratta, dunque, di un'opera che riflette Teresa innamorata, missionaria e fondatrice.

L'espressione del volto di Teresa ha un accenno ad un sorriso, per evidenziare che solo in Dio si trova la piena gioia e di questa allegria Teresa è testimone.

 

 

{INGRANDIRE}
Punto
CALENDARIO
NOSTRE ATTIVITÁ
mes anterior
Luglio
mes siguiente
pico
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Punto
NEWSLETTER
RICEVI NOSTRA NEWSLETTER
Conosci le ultime novità. Inviaci indirizzo e-mail.
{INVIARE}
Facebook
Twitter
Youtube
Entra nel tuo canale Youtube
Si tratta di una nuova finestra per avvicinare i Carmelitani Scalzi. Attraverso questo canale di Youtube è possibile portare le realtà dell'Ordine.
© CARMELITAS DESCALZOS · 2013 - Tutti i diritti riservati - AVVISO LEGALE